giovedì 20 aprile 2017

Di primo mattino

Adoro quest'ora del mattino ,dove tutto è ancora silenzioso..dopo una notte dove ho dormito alla grande e solo la micia è qui accanto che reclama la sua colazione. Fuori il cielo è limpido, terso e la temperatura molto bassa. Mi piace sentirmi addosso il calore  della felpa  che avevo già riposta in fondo all'armadio e mi piace scrivere a quest'ora di mattino presto con una tazza di the caldo vicino, quasi una coccola. I pensieri sono più lisci, più scorrevoli..la mia giornata deve ancora iniziare, il mio frenetico "fare" come lo chiamo io ed allora me lo godo questo momento


Il cielo questa mattina



martedì 18 aprile 2017

Il martedì dopo Pasqua

Devo riordinare le idee, devo fermarmi e partire da un punto preciso o rischio di di sbagliare e di non combinare un bel nulla. In questi mesi  nel mio piccolo le cose non sono cambiate più di tanto,anzi. Il mio adolescente di sedici anni mi da da tribolare, non ha molta voglia di impegnarsi nello studio e si è avvicinato ad un gruppetto di amici  che di voglia di fare ne hanno ben poca. Lo sto impegnando in tutto con grossi sacrifici: arrampicata sportiva e corso di Karate da mio cugino che ha una palestra. Il guaio è che il padre è praticamente assente, non mi sostiene,anzi fa finta di nulla. Non ha un minimo di autorevolezza  e sono molto stufa. Comunque andiamo avanti e vediamo  che succede. potrei scrivere gli ultimi spiacevoli fatti accaduti  ma non ha senso lamentarsi ,meglio scrivere i piccoli progrssi ,quelli che ti accorgi a fatica, chissà ,magari così va meglio no?
Ecco il primo:

 * da  oggi mi impegnerò  a smaltire quei kg che ho accumulato ultimamente  la sera sul divano quando mi prendeva quella sorte di solitudine e tristezza e ho ingurgitato di tutto ,cavoli...

venerdì 13 gennaio 2017

Pensieri al volo

In questo periodo  sono ad un punto fermo, le mie giornate scorrono veloci  quasi a tamponare le cose, senza un progetto veritiero. Sono sempre in emergenza, per tutti e per me solo le briciole. Diochevoglia che qualcuno si prenda cura di me e che mi dica " non preoccuparti, ci penso io". Sono mesi, anni che sto aspettando questo. E negli ultimi tempi stanca di ciò mi sono rimboccata le maniche e ci ho pensato io, a tutto. Tamponando .  Il bello è che non concludo nulla, inizio e metto in stand by sperando in cuor mio che non ne succedano altre. E allora dove sta la fiducia, la speranza , l'ottimismo? è solo questione di...?
Io non so più dove girarmi, sono anche un po' stanca fisicamente e mentalmente. Quasi quasi mi vien voglia di andarmene e mollare tutto.

Poi mi soffermo a leggere i Blog di alcune  amiche qui , dove si respira aria pulita e quella serenità che a me manca e allora certi pensieri se ne vanno e ritorno a sperare